Seleziona una pagina

Il libro che sto leggendo in questo momento è “Pensa e arricchisci te stesso” di Napoleon Hill.

Nel campo della crescita personale al quale mi sto avvicinando con sempre maggiore entusiasmo e voracità, credo di essere l’unica a non averlo ancora letto e devo dire che ho aspettato con ansia di finire il libro precedente per poterlo iniziare.

Mi domandavo perché mai tutti in tutto il mondo facessero così frequentemente riferimento (stavo per scrivere fossero fissati) a questo libro scritto nel 1937. Quali modalità di arricchimento (che non è comunque da intendersi esclusivamente di tipo economico)  poteva mai insegnare un testo scritto così tanto tempo fa, in un contesto storico e culturale così distante dal nostro? Seguirà quanto prima nella sezione sfide – 20 libri la mia umile recensione ma, senza voler spoilerare, ho sentito l’esigenza di condividere con voi alcune frasi lette ieri sera che mi hanno colpito per la loro straordinaria attualità.

Ricordo ancora una volta che siamo nel 1937. Napoleon Hill scrive:

Per noi che siamo alla ricerca della ricchezza, dovrebbe essere incoraggiante sapere che questo mondo in continuo cambiamento in cui viviamo richiede nuove idee, nuovi modi di fare le cose, nuovi leader, nuove invenzioni, nuovi metodi didattici e di marketing…”.

E in un altro passaggio continua:

I sognatori di oggi (1937) sono in una situazione molto più favorevole. Il mondo è pieno di innumerevoli opportunità che i sognatori del passato non hanno mai avuto”.

Non cogliete anche voi una forte similitudine con la situazione che stiamo vivendo oggi in cui tutto è cambiato così velocemente e altrettanto velocemente continua a cambiare e ci è richiesto lo forzo di pensare in modo diverso, agire in modo diverso, rivedere i nostri schemi mentali, abbandonare alcune certezze che ci hanno inculcato da bambini (parlo per quelli della mia età).

Non sentite anche voi l’esigenza prepotente di diventare sognatori invece che piangerci addosso? I sognatori di oggi (2018) e credo i sognatori di tutti i tempi sono in una situazione decisamente favorevole. Se non si può sognare oggi con tutto quello che la tecnologia, il mondo digitale, il world wide web mette a disposizione in termini di informazioni e opportunità significa che abbiamo perso la capacità di sognare, ingessati in preconcetti e attese che non sono più attuali.

Io ho deciso di sognare e di cavalcare l’onda prima che mi sommerga.

Speriamo in bene perché nuoto maluccio!